APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Selecontrollori Parco Cilento, Adinolfi: “Intervenga ministro Ambiente” Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

selecontrollore

Selecontrollori nel Parco del Cilento Vallo di Diano e Alburni,  lvan Adinolfi, delegato provinciale dell’associazione italiana “Wilderness” a richiesto un intervento al ministero dell’Ambiente riguardante la distribuzione del “patentino” a circa 200 cacciatori. Adinolfi, infatti ha inviato una missiva al Ministro.

Ecco la lettera:

“Illustrissimo Signor Ministro, risulta a codesta associazione che l’Ente Parco del Cilento Vallo di Diano e Alburni ha recentemente distribuito il “patentino” di selecontrollore a circa 200 cacciatori che potranno, con questa “autorizzazione”, procedere al contenimento dei cinghiali nell’area protetta. Duecento cacciatori, ovvero il 92% di coloro che hanno partecipato al corso di abilitazione, una percentuale altissima di ammessi, se consideriamo che in altre parti d’Italia la fmmazione del personale addetto al controllo della fauna selvatica, subisce mediamente una decurtazione di circa il 50% dei partecipanti. L’alt. 11 comma 4 della legge n. 394/91 conferisce all’Ente Parco il potere, ”per sua iniziativa e sotto sua diretta responsabilità e sorveglianza, di autorizzare gli abbattimenti selettivi da parte del personale del! ‘Ente o da persone all’uopo espressamente autorizzate dall’Ente Parco stesso”. Fin qui non avremmo nulla da contestare salvo poi ricrederei quando apprendiamo con sconcerto che lo stesso Ente Parco, con sua determina n. 123 del 9 luglio 2016 all’art. 8 comma 5 stabilisce che: “le operazioni di prelievo selettivo da parte dei selecontrollori dovranno essere preventivamente comunicate al comando della forestale di competenza territoriale, che potrà effettuare controlli a campione e che la mancanza di tali controlli non pregiudica il naturale svolgimento delle operazioni di selecontrollo”. Avremmo preferito che l’Ente Parco con la succitata determina avesse previsto controlli continui ed a macchia d’olio da parte del CFS, se non addirittura l’affiancamento delle Guardie Forestali durante le operazioni di selecontrollo. Ci sarebbe addirittura piaciuto che anche nell’area parco, per quanto concerne gli abbattimenti selettivi, fosse stato applicato quanto previsto dalla Legge Quadro sulla attività venatoria n. 157/92 che conferisce il potere di selecontrollo esclusivamente agli agenti del CFS ed agli agenti della polizia provinciale. Restiamo inoltre sbigottiti alla lettura del disciplinare recentemente approvato dall’Ente Parco, allegato alla delibera del C.D. n. 5 del 03.03.2018, che regola l’ introduzione delle armi da parte di privati nel territorio del Parco. All’art. 3 lettera b) viene precisato che per “trasporto” intende anche il porto, dando di fatto agli autorizzati al trasporto la possibilità di avere l’immediata disponibilità dell’arma! Pertanto- conclude Adinolfi- considerato quanto finora esposto, si chiede che il Ministero eserciti le funzioni di controllo e la vigilanza dovuta“.

CISL FP BANNER

convergenze

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker-2

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Attualità

laurino

Laurino, ripartono mercati settimanali: solo vendita generi alimentari

Laurino. Emergenza Covid, riaprono i mercati settimanali a Villa Littorio e Laurino solo per i commercianti di prodotti alimentari. L’amministrazione comunale […]

polizia municipale generica

Albanella, polizia municipale: in arrivo due agenti da Capaccio

Albanella. Dal Comune di Capaccio, in arrivo due agenti di polizia municipale. La giunta comunale retta dal sindaco Rosolino Bagini, […]

Cilento

carpentieri

S.Marina, danni dopo maltempo: visita consigliere regionale Nunzio Carpentieri

Santa Marina. Continuano incessanti i lavori e i sopralluoghi nel territorio comunale di Santa Marina, per verificare i danni e […]

isola ecologica malagenia

Agropoli, isola ecologica Malagenia: deciderà il Tar

Agropoli. Isola ecologica di Malagenia: è ancora guerra tra il Comune di Agropoli, che ha presentato il progetto per la […]

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada