APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

[VIDEO] Cilento/Alburni. Devastazioni cinghiali: parola all’Ente Parco e ai sindaci Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

GLI APPELLI E LE AZIONI MESSE IN CAMPO

Alburni. Danni alle coltivazioni e incidenti stradali: del problema dei cinghiali se ne discute da anni ma, ad oggi, nessuna risoluzione definitiva è stata trovata. Diverse le azioni messe in campo dal  Parco Nazionale del Cilento, Alburni e Vallo di Diano, presieduto da Tommaso Pellegrino. Molti gli appelli dei Comuni alla Regione affinchè la problematica venga risolta.

LA MOZIONE DEI CONSIGLIERI PROVINCIALI CELANO E RUBERTO 

Sulla problematica è stata presentata, nei mesi scorsi una mozione a firma dei consiglieri provinciali di Forza Italia, Roberto Celano e Giuseppe Ruberto, indirizzata alla Provincia di Salerno e Regione Campania.  “L’aumento abnorme della popolazione di cinghiali rappresenta un’intollerabile emergenza da affrontare senza indugio e con fermezza-affermano Celano e Rubertoonde evitare gravi conseguenze all’ambiente e alla biodiversità, nonché all’economia dell’intera Provincia di Salerno. Sono animali, voraci onnivori, instancabili camminatori, formidabili scavatori del terreno con il loro poderoso muso, capaci di stravolgere vaste zone in una sola notte, provocano gravi ed irrecuperabili danni all’agricoltura ed alle attività agroalimentari. La ricerca di cibo, insufficiente per la sovrappopolazione di cinghiali, costringe gli stessi a girovagare anche nei centri urbani e sulle strade mettendo a grave rischio la incolumità dei cittadini e degli automobilisti provocando numerosi incidenti”. Da qui la richiesta della necessità di istituire  “un coordinamento provinciale e regionale, impegnando e coinvolgendo le associazioni di rappresentanza agricole e venatorie, con gli ambiti territoriali di caccia e con il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni per porre in essere provvedimenti, atti ed iniziative idonee alla soluzione dell’emergenza cinghiali e di favorire la rete dei macelli con linea dedicata al cinghiale per incentivare una filiera funzionale che diventi un’occasione anche economica, occupazionale e turistica”.

COMUNE DI OTTATI :”Necessaria filiera che giri intorno al cinghiale” 

Viviamo la stessa situazione che vivono gli altri comuni del comprensorio– afferma il sindaco Elio Guadagno di Ottati- la questione andrebbe analizzata a fondo. Non dimentichiamo che l’Ente Parco, in questi anni, ha liquidato somme ingenti a copertura dei danni subiti dagli agricoltori, anche se non sono mai abbastanza rispetto al loro impegno e passione. Il problema dei cinghiali è molto serio. L’economia è ferma al palo, anche per questo. La soluzione a mio avviso è avviare la filiera che gira intorno al cinghiale, perché potrebbe essere una risorsa per il territorio. Il fatto che vengono allestiti i punti di stoccaggio, ed il censimento delle macellerie che vendono carne di cinghiale sono azioni importanti. Però non è sufficiente  per avere un riscontro nell’immediato, perchè la gente purtroppo è stanca ormai da anni. Quando i cittadini locali sentono parlare di Parco del Cilento, Alburni e Vallo di Diano, subito si pensa all’annosa questione dei cinghiali. Ogni territorio deve  dare il proprio contributo e rispondere in modo compatto, perché il fenomeno ha dimensioni grandi. E’ necessario anche che ogni comunità montana tenga la propria cabina di regia per potere agire”. 

ROSCIGNO: “Primo Comune che partirà con il centro raccolta carcasse”  

Il problema cinghiali blocca l’agricoltura, gli investimenti soprattutto nelle aree interne del Cilento.  “Le aree interne sono ormai abbandonate al loro triste destino– dichiara il sindaco di Roscigno, Pino Palmieri– c’è bisogno di nuove iniziative per risolvere la questione. Indispensabile  puntare ad una fiscalità di favore per residenti ed imprese, agevolando chi vuole investire in turismo rurale ed agricoltura. Il destino forse ci sta dando l’ultima occasione da cogliere. Non bisogna perderla altrimenti tutto sarà segnato definitivamente“. Roscigno, sarà il primo comune del Parco che partirà con il centro di raccolta delle carcasse dei cinghiali, presso gli ex locali della scuola media. In più l’associazione Team Monte Pruno, procederà a breve per la realizzazione dei recinti di cattura.

COMUNE DI PIAGGINE :”Difficoltà ad investire, percentuale del 90% che il  raccolto sia distrutto. Necessaria nuova consapevolezza” 

E’ un problema molto sentito anche sul territorio di Piaggine– afferma il sindaco, Guglielmo Vairo-  molti, ad esempio,  stanno investendo sulla coltivazione del grano. Abbiamo un privato che ha investito in terreni ed in un mulino a pietra naturale, per allargare la produzione. La domanda è sempre più forte sul mercato, ma a causare problemi sono proprio gli ungulati. Una recinzione ha un costo e non tutti possono permettersi di investire. Chi vuole investire si guarda bene dal farlo perché è alta la percentuale, oltre il 90%, che il raccolto venga distrutto dai cinghiali. Questo è un dato di fatto. Noi raccogliamo con soddisfazione l’iniziativa del Parco dei selecontrollori. Un segnale importante. Ovviamente ci auguriamo che l’attività venga implementata per abbassare il numero dei cinghiali e delle altre specie di volatili che distruggono le colture, come la ghiandaia, la gazza, le cornacchie che creano problemi. Chi vive qui,  e vuole continuarlo a fare, non può essere criminalizzato. Il Parco, culturalmente, deve prendere una posizione  ci deve essere una nuova consapevolezza nei confronti di chi caccia delle specie animali che sono dannose. Altrimenti la biodiversità umana viene posta in secondo piano rispetto alla biodiversità animale e vegetale. Questo è il tema oggi da affrontare. Una consapevolezza nelle aree interne, a forte rischio spopolamento- conclude Vairo- una consapevolezza nuova rispetto a quella che è l’attività di volontari che hanno la possibilità di cacciare cinghiali“.

ALTAVILLA SILENTINA: Molti lamentano che gli animali arrivano fino davanti alle loro abitazioni e rappresentano un serio pericolo”

Problema fortemente avvertito anche nella Piana del Sele. Lo sa bene il sindaco di Altavilla Silentina, Antonio Marra, che ha inviato  alla Regione Campania una richiesta di intervento per il controllo della popolazione di ungulati presenti sul territorio comunale. Sono state numerose le segnalazioni – evidenzia il sindaco Marra –  da parte dei nostri concittadini relativi ai danni causati dai cinghiali sia alle colture che alle persone. A Causa  dei cinghiali vengono distrutte intere colture, compresi i vigneti e questa situazione  sta inducendo gli agricoltori a non coltivare interi appezzamenti di terreno. Molti lamentano che gli animali arrivano fino davanti alle loro abitazioni e rappresentano un serio pericolo per la loro incolumità non solo nelle aree collinari”

I

convergenze

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker-2

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

banner_papera_220x180

Attualità

lavori-stradali-75391.660x368

Rischio idrogeologico, 3 progetti finanziati al Comune di S. Giovanni a Piro

S. Giovanni a Piro.  Il Ministero dell’Interno, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha ammesso il Comune […]

POSTE

Anche mese di novembre pensioni anticipate. il calendario erogazioni

Anche per il mese di novembre 2020, il pagamento presso gli sportelli postali dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni […]

Cilento

coronavirus

Salerno, Covid: 90 nuovi positivi, ecco dove

Salerno. Ecco i dati relarivi ai tamponi effettuati ieri dal laboratorio dell’ospedale “Ruggi” di Salerno. Il laboratorio di Eboli, invece, […]

nicol esposito

Casal Velino, domani pomeriggio i funerali del 22enne Nicol Esposito

Casal Velino. Si terranno nel pomeriggio di domani, alle 15.30 presso la chiesa di San Michele Arcangelo nella frazione di […]

Valle del Calore e Alburni

felitto casa dell'acqua

Felitto. Inaugurata casa dell’acqua su proposta Forum giovani

Felitto. Nuovi servizi per i cittadini. “Questa mattina è stata inaugurata la casa dell’acqua in via Insorti Ungheresi. Il progetto, […]

bcc aquara capaccio

Salerno, apre nuova filiale Bcc Aquara

Salerno. Lunedì 26 ottobre prossimo inizia a operare a Salerno una seconda Filiale della BCC di Aquara. Nella centralissima via Garibaldi […]

vocedistrada

banner-il-mondo-dei-bimbi

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada