APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Beni confiscati alla criminalità: fondi per 7 mln di euro Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

bene confiscato alla mafia

C’è tempo fino al prossimo 15 febbraio 2017 per partecipare al bando pubblico per la valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata. A disposizione delle organizzazioni del terzo settore assegnatarie di beni confiscati ci sono 7.000.000 di euro. Le proposte dovranno essere tese all’avvio di nuove attività di economia sociale e per il rafforzamento di iniziative economiche esistenti, attraverso l’impiego e la valorizzazione di beni confiscati già assegnati, privi di ipoteche o altri vincoli.

A chi è rivolto il bando

Il bando è indirizzato ai partenariati tra almeno tre o più soggetti, operanti in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, che assumeranno un ruolo attivo nella co-progettazione ed implementazione del progetto. Ogni partnership individua un “soggetto responsabile”, che si occuperà di coordinare i rapporti tra i diversi soggetti del partenariato con la Fondazione, anche ai fini della rendicontazione.

Progetti ammessi

-Avvio di nuove attività di imprenditorialità sociale basate sull’utilizzo di beni confiscati di nuova o recente assegnazione, privi di ipoteche o altri vincoli, da parte di enti del Terzo Settore con consolidata esperienza nello specifico settore di intervento proposto. La Fondazione sosterrà iniziative che possano incidere significativamente sul tessuto socio-economico di ciascuna comunità, anche in termini di utilità sociale (inserimento lavorativo di persone svantaggiate; incremento dell’occupazione giovanile; creazione di un’impresa sociale; integrazione culturale di minoranze o gruppi fragili; ecc.);

sostegno a enti del terzo settore finalizzato a potenziare la gestione, la valorizzazione e la fruizione dei beni confiscati già assegnati, privi di ipoteche o altri vincoli, ed effettivamente riutilizzati. Sono ammessi progetti tesi al rafforzamento e all’ampliamento di attività economiche già avviate, volte a un più efficace e articolato riutilizzo del bene immobile confiscato, in un’ottica di sviluppo sostenibile della comunità di riferimento. Gli interventi dovranno essere realizzati su beni svincolati e provvisti delle necessarie autorizzazioni da parte degli enti pubblici preposti (Sovrintendenza dei Beni Culturali, Comuni, ecc.). Le autorizzazioni dovranno essere rilasciate dagli enti preposti entro 6 mesi dalla data di comunicazione dell’approvazione della proposta da parte della Fondazione, al termine dei quali il contributo sarà da considerarsi revocato.

Termini e modalità di presentazione delle domande

Le proposte di progetto devono essere compilate e inviate esclusivamente on line, entro le ore 13 del 15 febbraio 2017, attraverso la piattaforma Igrant messa a disposizione dalla Fondazione.

banner caputo sito

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

output_tqy8p1

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

botteghe autore

bcc-bannerweb-220

Attualità

COMUNE DI VALLO DELLA LUCANIA

Vallo, in arrivo le luminarie artistiche su vie e strade cittadine

Vallo della Lucania. Luminarie artistiche e decorative in occasione delle festività natalizie 2019/2020. Le luci saranno installate lungo le vie […]

ogliastro cilento

Ogliastro Cilento, ok manutenzione via Pisacane e illuminazione pubblica

Ogliastro Cilento. Messa in sicurezza di via Pisacane e conversione a led delle lampade dell’impianto di illuminazione pubblica. Il Comune […]

Webp.net-gifmaker-4

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (2)

Webp.net-gifmaker (1)

2GALBANELLA-GIARDULLO

banner-il-mondo-dei-bimbi

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada