APP MOBILE VDS

Scarica l'app di Voce di Strada per Android, iPhone e Windows Mobile!

Anno del Turismo lento, Cilento vince contest internazionale con Dieta Mediterranea Pagina Facebook Voce di Strada Profilo Twitter Voce di Strada Profilo Google Plus Voce di Strada

DMTTX_foto1

Ascea. Il progetto La Dieta Mediterranea on table & tablet Experience© vince il contest internazionale Marketplace of Ideas della conferenza STRD_Sustainable Tourism for Rural Development svoltasi a Bergamo il 14 e 15 febbraio nell’ambito dell’Agri Travel & Slow Travel Expo.

Unica best practice selezionata per l’Italia, e in competizione con altri cinque casi pratici prescelti in rappresentanza di Slovenia, Montenegro, Spagna, Ungheria e un network di realtà rurali appartenenti a 8 paesi europei, l’iniziativa è stata presentata dalla project manager Maria Rosaria Nese alla qualificata platea degli speakers che, fra gli altri, vantava la presenza di Klaus Ehrlish segretario generale di EuroGites – Federazione europea del turismo rurale, Mercedes Bresso europarlamentare, presidente dell’Intergruppo del Parlamento europeo sulle zone rurali, montane e remote (RUMRA), José Maria de Juan Alonso fondatore del Koan e membro del direttivo della World Food Travel Association, Tim Fairhurst segretario generale dell’ETOA, European Tourism Association, ente di settore dei tour operator che raggruppa oltre 1000 membri, Kirsten Birke Lund rappresentante della rete LEADER per la Danimarca, Gérard Peltre presidente dell’Associazione internazionale Rurality-Environment-Development (RED), Domenico Mastrogiovanni, rappresen-tante del COPA-Cogeca, Patrick Worms presidente della European Agroforestry Federation e Senior Science Policy Advisor del World Agroforestry Center, la principale istituzione di ricerca al mondo che studia il ruolo degli alberi nei paesaggi agricoli.

La Dieta Mediterranea on table & tablet Experience© è un’operazione di messa in rete di sei microrealtà di turismo rurale fra le eccellenze della ristorazione e della ricettività, che ripropone in chiave innovativa e integrata l’offerta delle componenti identitarie della destinazione Cilento, che offre le proprie dimensioni di territorio slow alla fruizione consapevole del viaggiatore attento, sempre più interessato ad esperienze immersive in attività locally-sourced. Il progetto prende le mosse dall’azione di sistema sul cibo e la cultura alimentare mediterranea che la Fondazione Alario sta portando avanti, per sperimentare un modello di sviluppo locale che reinterpreta il Cilento come food value system, sistema territoriale di offerta in cui il cibo diventa la chiave per rileggere e riorganizzare le dimensioni del vivere – culturali, sociali, relazionali, ludiche, turistiche – attraverso la realizzazione di un network di persone, comunità, imprese e istituzioni per un totale di circa 40 strutture ristorative e oltre 80 produttori, che – nel comune denominatore del food – interagiscono, dialogano e abilitano processi di innovazione e co-creazione in cui l’identità si apre a più ampi scenari generativi.

Nel Cilento – come in altre aree rurali della Campania – le iniziative di valorizzazione del turismo rurale, dell’agriturismo e dei prodotti agroalimentari locali hanno contribuito a – diffondere una maggiore consapevolezza delle opportunità di sviluppo offerte da un uso sostenibile e integrato delle risorse locali; – recuperare risorse che rischiavano di scomparire (ad es. molte produzioni agroalimentari tradizionali) o di degradarsi (ad es. il paesaggio rurale, gli edifici rurali, i monumenti); – qualificare il territorio attraverso l’introduzione di servizi o infrastrutture per le imprese o per la popolazione; – rafforzare l’identità e il sentimento di appartenenza alla comunità locale, attraverso la creazione di nuovi legami fra gli abitanti e le risorse culturali, ambientali ed economiche dell’area; – ridisegnare i rapporti fra aree urbane e rurali; – rendere maggiormente attrattivo il territorio rispetto ad altre location, grazie alla creazione di una offerta peculiare.

Si è partiti dalla considerazione che – di fronte all’incremento della domanda registrato nel corso degli ultimi tempi e alle crescenti attese dei consumatori, sempre più interessati non solo alla fruizione dei servizi in azienda ma al territorio nel suo complesso – fosse necessario costruire una offerta integrata e di qualità capace di rendere maggiormente attrattive e competitive le imprese di turismo rurale e l’intera area del Cilento, nel panorama complessivo dell’offerta turistica regionale. E la strutturazione di un’offerta mirata, che recepisse le tendenze di mercato anche in un’ottica di prodotto turistico innovativo, secondo criteri di segmentazione svincolati dalle logiche tradizionali e finalizzati alla valorizzazione dell’esperienza turistica sul territorio, è divenuta pregiudiziale ad un efficace momento promozionale, che – sempre – rischia di vanificare i suoi effetti – e di diventare addirittura controproducente – nel momento in cui alla sollecitazione e risposta della domanda non corrisponda un’offerta in cui coincidano la qualità attesa e quella percepita.

Ne è scaturita un’interessante sperimentazione, a cui le tecnologie informatiche apportano il proprio appeal innovativo (le filiere agroalimentari del territorio vengono raccontate attraverso una accattivante videobrochure che le traghetta dalla tavola-table – al tablet) che – nel fulcro della Dieta Mediterranea, patrimonio Unesco, e delle sue storie di vita e di valori, in quel Cilento che ne è Comunità Emblematica – crea un fil rouge tra turismo esperienziale, lento ed enogastronomico, integrando la proposta di accoglienza delle sei aziende partner e dando vita ad un pacchetto di _150 posti letto #dormi[ci]lento, _un’offerta di cibo e produzioni agroalimentari di altissima qualità che si alimenta della localizzazione nell’area protetta di un Parco Nazionale#mangia[ci]lento, _un ventaglio di attività laboratoriali a forte contenuto relazionale #vivi[ci]lento, da combinare in un tourist experience design a misura dislow traveller, che ben declina a livello territoriale la strategia del 2019, Anno Nazionale del Turismo Lento.

Il progetto La Dieta Mediterranea on table & tablet Experience© – unica proposta finanziata sulla Misura 16 del PSR Campania 2014-2020 per la Tipologia di intervento 16.3.1, Contributi per associazioni di imprese di turismo rurale – è ideato e realizzato dalla Fondazione Alario per Elea-Velia per la rete di imprese

_Vacanze San Crescenzo

_Azienda agricola La Petrosa

_Agriturismo I Moresani

_Azienda agricola biologica Prisco

_Agriturismo Zio Cristoforo

_Storie di Pane

banner sito la bufalat

Webp.net-gifmaker

banner bbc aquara sito

antico pastaio

banner caputo sito

Webp.net-gifmaker-6

Webp.net-gifmaker

output_yJ10wl

banner-buono-fisi

Webp.net-gifmaker (1)

banner_papera_220x180

Attualità

download

Salerno. Degrado in via San Giovanni Bosco, strada invasa dai piccioni

Salerno. La presenza di piccioni e colombi in città ha assunto negli ultimi anni dimensioni considerevoli. Il loro sviluppo indiscriminato […]

asfalto strade

Roccadaspide, rifacimento asfalto: ecco strade interessate

Roccadaspide. Divieto di transito, dal giorno 10 al 14 agosto 2020, su alcune vie del centro urbano. Il responsabile della […]

Cilento

download (1)

[VIDEO] “Castellabate il luogo dell’incanto”, uno spot promuove territorio

Castellabate e il suo mare, la sua luce, le tante bellezze e i suoi colori: ha appena esordito lo spot […]

candela suicidio

Strade killer: nel salernitano 5 vite spezzate in meno di una settimana

Una lunga scia di sangue sulle strade salernitane: in meno di una settimana, cinque persone hanno perso la vita a […]

banner chiacchiaro

DP GOMME BANNER WEB

Webp.net-gifmaker

Webp.net-gifmaker (1)

nuovo-banner-mec

nuovo-banner-cerere

Webp.net-gifmaker-2

Pagina Facebook Voce di Strada
Canale YouTube Voce di Strada
Profilo Twitter Voce di Strada
Profilo Google Plus Voce di Strada
Contenuti feed RSS Voce di Strada